La Giornata dei Giusti dell'Umanità

Il 10 maggio 2012 il Parlamento Europeo ha approvato, con Dichiarazione 3/2012, la proposta del Comitato per la Foresta dei Giusti-Gariwo onlus di istituire il 6 marzo una Giornata europea dedicata ai Giusti per tutti i genocidi; il 7 dicembre 2017, con l'approvazione del Senato, questa celebrazione è stata dichiarata solennità civile in Italia.

Il termine “Giusto” è stato applicato per la prima volta in Israele in riferimento a coloro che hanno salvato gli Ebrei durante la persecuzione nazista ed è stato esteso dalla Dichiarazione europea a tutti coloro che nel mondo hanno cercato o cercano di impedire il crimine di genocidio, di difendere i diritti dell'uomo - in primo luogo la dignità umana - nelle situazioni estreme, o che si battono per salvaguardare la verità e la memoria contro i ricorrenti tentativi di negare la realtà delle persecuzioni.

Gariwo (acronimo di Gardens of the Righteous Worldwide) ha promosso in numerosi territori, tra cui il Comune di Milano, la realizzazione di Giardini per commemorare i Giusti, sull'esempio del Giardino dei Giusti di Yad Vashem a Gerusalemme.
A Vercelli sono presenti due Giardini dei Giusti: uno presso la scuola media Pertini e l'altro presso il parco cittadino Iqbal Masih.

In questa sezione troverete tutte le informazioni e le news relative alle celebrazioni della Giornata dei Giusti, al Giardino dei Giusti istituito presso il parco Iqbal Masih, al network di Gariwo e al progetto di alternanza scuola-lavoro promosso dall'Informagiovani al fine di coinvolgere gli studenti delle scuole superiori nella scelta di nuovi Giusti.





Giovedì 9 marzo intorno alle ore 10,15 al parco Iqbal Masih di Vercelli hanno avuto luogo le celebrazioni per la “Giornata europea dei Giusti”, ricorrenza istituita nel 2012 che si propone di rendere omaggio agli uomini e alle donne che, in situazioni di gravi ingiustizie, violenze o discriminazioni, hanno rischiato la propria vita per salvare quella di altre persone. La giornata si è svolta in continuità con quella celebrata presso la scuola Pertini lunedì 6 marzo e in collaborazione con i docenti della medesima scuola.
 
La giornata, a cura del Comune di Vercelli - Assessorato all’Istruzione e Politiche giovanili - è iniziata con il suono coinvolgente della musica di “Schindler’s list”, il celeberrimo film di Spielberg sul tema della Shoah, eseguita dal flauto traverso di Anita Giocondo, che ha accompagnato la performance dei volontari del servizio civile e le letture di Ettore Cassetta. I ragazzi hanno legato un fiocco rosso intorno ciliegi piantati in ricordo dei giusti: Carlo Angela,Padre Giuseppe Girotti, Giovanni Palatucci, Khaled al Asaad, Ercole e Gina Piana, già ricordati nel 2016, e Tadeusz Pankiewicz e i cittadini di Nevé Shalom - Wahat as-Salam, scelti per il 2017.

Leggi tutto: Chi salva una vita salva il mondo...

aerial2002_s9539-169ac.jpg?1465990225

Cittadini di Wahat-as-Salam- Nevé Shalom

Una collina, in Israele. A metà strada tra Gerusalemme e Tel Aviv. Un sogno, che su questa collina ha messo radici dall’inizio degli anni Settanta. Un villaggio dal nome in ebraico e in araboNeve Shalom Wahat al-Salam. Ossia: “Oasi di pace”.
Una comunità intenzionale di famiglie (l’unica, in Israele), metà ebree e metà palestinesi, tutte di cittadinanza israeliana, che hanno scelto di abitare e far studiare i propri figli insieme. Dando vita a un modello concreto di coesistenza alla pari e aprendosi al resto del Paese e alle altre realtà, israeliane e palestinesi, che lavorano per costruire il dialogo.

Leggi tutto: Cittadini di Wahat-as-Salam- Nevé Shalom

%E2%80%9CI-Giusti-tra-le-Nazioni%E2%80%9D--mostra-al-Planetario-10355.jpg

Ercole e Gina Piana (1896-1979, 1897-2000)

La famiglia Ottolenghi, composta da Guido, la moglie Eva Olivetti e le loro figlie Renata di 14 anni e Lidia di 12, dopo l’occupazione tedesca dell’Italia fuggì da Torino e trovò un primo rifugio nella zona di Champorcher, in provincia di Aosta.
Il 3 dicembre 1943 i tedeschi effettuarono un rastrellamento dell’intera zona, mirato in particolare all’individuazione e all’arresto degli ebrei.
Gli Ottolenghi riuscirono a lasciare il loro nascondiglio, ma erano braccati dalle milizie fasciste che cooperavano con i nazisti. Attraverso strade pericolose e innevate percorsero una ventina di chilometri giungendo nel paesino aostano di Bard.

Leggi tutto: Ercole e Gina Piana (1896-1979,...

201703060345_Carlo-Angela.jpg

Carlo Angela (1875-1949)

Nasce a Olcenengo il 9 gennaio 1875. Studia medicina all’Università di Torino dove si laurea nel 1899 e in seguito si reca in Congo dove esercita la professione medica con la divisa dell’esercito belga. Tornato in Europa, si specializza in neuropsicologia a Parigi seguendo le lezioni di Babinski, un grande professore famoso per aver lavorato con Sigmund Freud.

Leggi tutto: Carlo Angela (1875-1949)

30531096_1840140272690685_8038322656455426048_o.jpg?_nc_cat=0&oh=c668bf4890be82c55c4ea521cfc29031&oe=5B2AE318

Tavole progettuali

Gli alunni delle classi 4°A e 4°B del liceo artistico "Ambrogio Alciati" di Vercelli e 5°C della sede distaccata di Trino hanno realizzato delle tavole progettuali in cui hanno interpretato delle opere commemorative in onore dei tre personaggi ricordati nella Giornata dei Giusti con la cerimonia celebrativa in data 9 marzo 2018, svoltasi presso l’aula Magna dell’I.I.S.Lagrangia e il parco Iqbal Masih di Vercelli.

Leggi tutto: Tavole progettuali

network_header.jpg

Gariwo-Network

Il 10 maggio 2012 il Parlamento europeo ha approvato la Dichiarazione scritta che istituisce il 6 marzo come Giornata europea in memoria dei Giusti. Il concetto di Giusto, nato dall’elaborazione del memoriale di Yad Vashem per ricordare i non ebrei che sono andati in soccorso degli ebrei, è stato ampliato fino a includere tutti coloro che si sono battuti e si battono contro ogni persecuzione ed è così diventato patrimonio di tutta l’umanità. Il coraggio di un solo uomo può sempre fare la differenza: questo è il messaggio di cui i Giusti sono portatori, che deve essere trasmesso soprattutto ai giovani affinché non vada perduto. Tale messaggio ha un fondamentale ruolo pedagogico, poiché insegna che è sempre possibile scegliere il bene, anche nei momenti più difficili. La presenza dei giovani, il ricordo di esempi positivi, il costante richiamo all’attualità, sono fondamentali affinché questa Giornata non si traduca in celebrazioni retoriche, come spesso accade quando le lezioni sul passato non educano i giovani alla responsabilità nei tempi in cui viviamo. Istituire una Giornata in memoria dei Giusti dell’umanità anche a livello nazionale significa offrire il più alto e significativo riconoscimento a un percorso iniziato nel 2012 con l’appello lanciato dall’associazione Gariwo e sottoscritto da migliaia di persone, che ha poi trovato l’appoggio trasversale di partiti e Paesi del Parlamento europeo. Il Senato della Repubblica ha approvato il progetto di legge che istituisce anche a livello nazionale una Giornata in memoria dei Giusti dell’umanità, da celebrarsi il 6 marzo. Con la legge appena approvata, l’Italia aderisce ufficialmente alla Giornata dei Giusti, che da oggi diventa solennità civile rivolta soprattutto ai giovani e alle scuole. “La legge sui Giusti dell’Umanità assume oggi un valore particolare di fronte alle crescenti derive politiche e morali nel mondo: nuovi nazionalismi, razzismi, rischi di guerra nel Pacifico e nel Medio Oriente. - ha detto il presidente di Gariwo Gabriele Nissim - Oggi più che mai è necessario richiamare tutti gli individui alla responsabilità personale per riaffermare i valori del dialogo, della pace, dell’inclusione e isolare quanti vogliono spingerci nel baratro dell’odio. È un grande messaggio che in questa giornata il nostro Paese lancia all’Europa e al mondo intero.” Gariwo Network è una rete internazionale che è stata lanciata a Milano nel novembre 2017. I Servizi per i Giovani del Comune di Vercelli sono stati ufficialmente invitati a far parte della rete internazionale.

La Giornata per i Giusti dell’Umanità

La Giornata per i Giusti dell’Umanità

Il Senato ha detto sì! Il 6 marzo in Italia sarà ufficialmente la Giornata per i Giusti dell’Umanità.


Read more

TadeuszPankiewicz.jpg

Tadeusz Pankiewicz (1908-1993)

Era il settembre del 1939 quando, a seguito della campagna polacca che vede le forze naziste conquistare rapidamente il Paese, inizia l’occupazione di Cracovia e la persecuzione della popolazione ebraica in tutta la città. Nel maggio del 1940, viene ordinata una massiccia deportazione degli ebrei: degli oltre 68.000 di essi presenti a Cracovia, solo a 15.000 lavoratori con le famiglie è concesso di rimanere mentre i restanti sono costretti ad abbandonarla per essere “reinsediati” in aree circostanti. Il 3 marzo 1941 viene ufficialmente creato il ghetto, completamente isolato dal resto della città grazie all'edificazione di mura di cinta.

Leggi tutto: Tadeusz Pankiewicz (1908-1993)

Giovanni_Palatucci_139.jpg

Giovanni Palatucci (1909-1945)

Nasce a Montella, in provincia di Avellino, il 31 maggio 1909. Nel 1932, a ventitré anni, si laurea in giurisprudenza presso l’Università di Torino e nel 1936 si arruola come volontario nel ruolo di Vice Commissario di Pubblica Sicurezza a Genova. Alla fine del 1937 viene trasferito alla Questura di Fiume come responsabile anni successivi avrà incarichi di Commissario e di Questore-reggente dell’ufficio stranieri, ruolo che lo mette a contatto diretto con la dura realtà della condizione degli ebrei. In seguito assume l’incarico di Commissario e di Questore reggente e non si allontana da Fiume neanche quando il Ministero ne dispone, nell’aprile del 1939, il trasferimento a Caserta.

Leggi tutto: Giovanni Palatucci (1909-1945)

29136234_1806619959376050_8465104906594811904_o.jpg?_nc_cat=0&oh=2cb65a2271671e2ccccfc33f23f3752d&oe=5B6E9E8E

"Righteus!" Il Progetto di Alternanza Scuola/Lavoro

Il Servizio per i giovani del Comune di Vercelli, intendendo favorire l’orientamento dei giovani per valorizzarne le vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali, promuove l’offerta di esperienze flessibili di alternanza scuola-lavoro che aiutino i giovani ad acquisire competenze spendibili anche nel mercato del lavoro, inserendosi nel percorso aperto dalla Legge 107 del 2015. Per questo motivo, abbiamo proposto il seguente percorso, che ha coinvolto: 30 studenti degli Istituti superiori Lagrangia - Liceo artistico Alciati di Vercelli e Avogadro - Liceo Scientifico nel progetto vero e proprio di ASL (5 nel ruolo di peer e facilitatori, 5 come operatori di comunicazione e performer e 20 come partecipanti) 250 studenti nella celebrazione del 9 marzo presso il parco Ibqual Masih 430 studenti per la lezione-spettacolo "Il Memorioso" il 12 marzo 100 studenti per l'incontro con gli amici di Neve-Shalom l'8 maggio. Relativamente al progetto di SL, l'obiettivo specifico assegnato agli studenti coinvolti è stato: Individuare uno o più Giusti per la Giornata in programma nella settimana del 6 marzo 2018. Il gruppo di peer e performer si sono coinvolti attivamente svolgendo il seguente processo di attività: a) coinvolgere un gruppo di studenti ai quali illustrare cos’è la Giornata dei Giusti e come coinvolgere i propri compagni di classe programmando piccole attività al fine di conoscere la Giornata e individuare la proposta di classe per una nuova figura di Giusto 2018. Ore previste: 4 (gennaio 2018). b) svolgere nella propria classe, nel ruolo di peer-educator, il percorso programmato, individuando una proposta di Giusto e una modalità comunicativa o artistica per comunicarlo, anche mediante il sito vercelligiovani.it: Ore previste: 4 (due incontri da 2 ore, gennaio 2018); c) Realizzare, in piccolo gruppo di performer, la proposta comunicativa della classe da restituire alla classe stessa e da inviare a Vercelligiovani. Ore previste: 8 (fine gennaio). d) Partecipare ad una mattinata, nel corso della settimana dei Giusti, in cui la classe presenta la propria proposta che viene votata con un sistema che coinvolge sia gli studenti sia gli insegnanti e Vercelligiovani. Ore previste 3 (metà febbraio). e) Realizzare, in piccolo gruppo di performer,eventuali supporti o attività per la Giornata. Ore: 4; f) Partecipare ed animare la mattinata della Giornata dei Giusti, presso il parco Iqbal Masih. Ore: 2 (marzo). g) Curare la promozione e comunicazione del percorso e della Giornata su vercelligiovani.it e i social. Ore: 4 (marzo).

Formelle

Formelle

Le tavole di progettazione e le targhe vitree sono state realizzate con la collaborazione di tre allieve  della sezione C indirizzo “Design”: Federica Diotto, Irene Rosso e Ziat Wafaa, nei laboratori di "Arte del vetro" presso la sede distaccata del liceo artistico a Trino, sotto la guida della docente Daniela Fontanesi.

Read more

Tavole progettuali

Tavole progettuali

Gli alunni delle classi 4°A e 4°B del liceo artistico "Ambrogio Alciati" di Vercelli e 5°C della sede distaccata di Trino hanno realizzato delle tavole progettuali in cui hanno interpretato delle opere commemorative in onore dei tre personaggi ricordati nella Giornata dei Giusti con la cerimonia celebrativa in data 9 marzo 2018, svoltasi presso l’aula Magna dell’I.I.S.Lagrangia e il parco Iqbal Masih di Vercelli.

Read more

29026399_1802958706408842_3239940783402385408_n.jpg?_nc_cat=0&oh=2d7770e12326807ececa415a4bf2a99d&oe=5B6AE77C

il Giardino dei Giusti "Iqbal Masih"

Gariwo (acronimo di Gardens of the Righteous Worldwide) ha promosso in numerosi territori, tra cui il Comune di Milano, la realizzazione di Giardini per commemorare i Giusti, sull'esempio del Giardino dei Giusti di Yad Vashem a Gerusalemme. A Vercelli sono presenti due Giardini dei Giusti: uno presso la scuola media Pertini e l'altro presso il parco cittadino Iqbal Masih. In questa sezione del nostro sito sono presentate le figure dei Giusti celebrate presso il parco Iqbal Masih: si tratta di 10 figure, individuate tra il 2016 e il 2018.


Cittadini di Wahat-as-Salam- Nevé Shalom

Cittadini di Wahat-as-Salam- Nevé Shalom

Una collina, in Israele. A metà strada tra Gerusalemme e Tel Aviv. Un sogno, che su questa collina ha messo radici dall’inizio degli anni Settanta. Un villaggio dal nome in ebraico e in araboNeve Shalom Wahat al-Salam. Ossia: “Oasi di pace”.
Una comunità intenzionale di famiglie (l’unica, in Israele), metà ebree e metà palestinesi, tutte di cittadinanza israeliana, che hanno scelto di abitare e far studiare i propri figli insieme. Dando vita a un modello concreto di coesistenza alla pari e aprendosi al resto del Paese e alle altre realtà, israeliane e palestinesi, che lavorano per costruire il dialogo.

Read more

Tadeusz Pankiewicz (1908-1993)

Tadeusz Pankiewicz (1908-1993)

Era il settembre del 1939 quando, a seguito della campagna polacca che vede le forze naziste conquistare rapidamente il Paese, inizia l’occupazione di Cracovia e la persecuzione della popolazione ebraica in tutta la città. Nel maggio del 1940, viene ordinata una massiccia deportazione degli ebrei: degli oltre 68.000 di essi presenti a Cracovia, solo a 15.000 lavoratori con le famiglie è concesso di rimanere mentre i restanti sono costretti ad abbandonarla per essere “reinsediati” in aree circostanti. Il 3 marzo 1941 viene ufficialmente creato il ghetto, completamente isolato dal resto della città grazie all'edificazione di mura di cinta.

Read more

Khaled al-Asaad (1932-2015)

Khaled al-Asaad (1932-2015)

“Non si può scrivere nulla su qualunque cosa abbia a che fare con Palmira senza fare riferimento a Khaled al-Asaad”. Queste parole di Amr al-Azm, professore universitario negli Usa ed ex dirigente del Dipartimento dei Musei e della Antichità siriane, chiariscono l’importanza del contributo di Khaled al-Asaad all’archeologia del 20esimo secolo.
Studioso di fama mondiale, Asaad è stato decapitato il 18 agosto dai miliziani dell’Isis, dopo aver dedicato tutta la vita al sito archeologico di Palmira, riconosciuto Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1980.

Read more

Ercole e Gina Piana (1896-1979, 1897-2000)

Ercole e Gina Piana (1896-1979, 1897-2000)

La famiglia Ottolenghi, composta da Guido, la moglie Eva Olivetti e le loro figlie Renata di 14 anni e Lidia di 12, dopo l’occupazione tedesca dell’Italia fuggì da Torino e trovò un primo rifugio nella zona di Champorcher, in provincia di Aosta.
Il 3 dicembre 1943 i tedeschi effettuarono un rastrellamento dell’intera zona, mirato in particolare all’individuazione e all’arresto degli ebrei.
Gli Ottolenghi riuscirono a lasciare il loro nascondiglio, ma erano braccati dalle milizie fasciste che cooperavano con i nazisti. Attraverso strade pericolose e innevate percorsero una ventina di chilometri giungendo nel paesino aostano di Bard.

Read more

Giovanni Palatucci (1909-1945)

Giovanni Palatucci (1909-1945)

Nasce a Montella, in provincia di Avellino, il 31 maggio 1909. Nel 1932, a ventitré anni, si laurea in giurisprudenza presso l’Università di Torino e nel 1936 si arruola come volontario nel ruolo di Vice Commissario di Pubblica Sicurezza a Genova. Alla fine del 1937 viene trasferito alla Questura di Fiume come responsabile anni successivi avrà incarichi di Commissario e di Questore-reggente dell’ufficio stranieri, ruolo che lo mette a contatto diretto con la dura realtà della condizione degli ebrei. In seguito assume l’incarico di Commissario e di Questore reggente e non si allontana da Fiume neanche quando il Ministero ne dispone, nell’aprile del 1939, il trasferimento a Caserta.

Read more

Padre Giuseppe Girotti (1905-1945)

Padre Giuseppe Girotti (1905-1945)

Giuseppe Girotti è stato un religioso e biblista italiano, annoverato tra i Giusti tra le nazioni per la sua azione a favore degli Ebrei durante l'Olocausto per la quale sacrificò la propria vita con la deportazione e la morte nel campo di concentramento di Dachau. Nel 2014 la Chiesa cattolica gli ha riconosciuto il titolo di beato.

Read more

Carlo Angela (1875-1949)

Carlo Angela (1875-1949)

Nasce a Olcenengo il 9 gennaio 1875. Studia medicina all’Università di Torino dove si laurea nel 1899 e in seguito si reca in Congo dove esercita la professione medica con la divisa dell’esercito belga. Tornato in Europa, si specializza in neuropsicologia a Parigi seguendo le lezioni di Babinski, un grande professore famoso per aver lavorato con Sigmund Freud.

Read more

IMG_4429p.jpg

Giornata dei Giusti - 9 Marzo 2017 - Tutti i video dell'evento

Il 9 marzo 2017, al parco Iqbal di Vercelli, (Corso Marconi, angolo Via Torricelli) si è svolta la celebrazione della giornata europea dei Giusti.

Le autorità del territorio vercellese, tra cui il Sindaco Maura Forte e l'assessore alle politiche giovanili Andrea Raineri hanno parlato. Rappresentanti di molte associazioni hanno lasciato un messaggio, alcuni personalmente, altri hanno inviato una lettera a distanza che è stata letta sul posto.

Leggi tutto: Giornata dei Giusti - 9 Marzo 2017 -...

201509080527_HEBu3qq.jpg

Khaled al-Asaad (1932-2015)

“Non si può scrivere nulla su qualunque cosa abbia a che fare con Palmira senza fare riferimento a Khaled al-Asaad”. Queste parole di Amr al-Azm, professore universitario negli Usa ed ex dirigente del Dipartimento dei Musei e della Antichità siriane, chiariscono l’importanza del contributo di Khaled al-Asaad all’archeologia del 20esimo secolo.
Studioso di fama mondiale, Asaad è stato decapitato il 18 agosto dai miliziani dell’Isis, dopo aver dedicato tutta la vita al sito archeologico di Palmira, riconosciuto Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1980.

Leggi tutto: Khaled al-Asaad (1932-2015)

padre_giuseppe_girotti.jpg?x20073

Padre Giuseppe Girotti (1905-1945)

Giuseppe Girotti è stato un religioso e biblista italiano, annoverato tra i Giusti tra le nazioni per la sua azione a favore degli Ebrei durante l'Olocausto per la quale sacrificò la propria vita con la deportazione e la morte nel campo di concentramento di Dachau. Nel 2014 la Chiesa cattolica gli ha riconosciuto il titolo di beato.

Leggi tutto: Padre Giuseppe Girotti (1905-1945)

29025560_1802961273075252_862486792325038080_o.jpg?_nc_cat=0&oh=64b76fdddcf24eb4764e780e4c3e1fda&oe=5B30D9DB

Formelle

Le tavole di progettazione e le targhe vitree sono state realizzate con la collaborazione di tre allieve  della sezione C indirizzo “Design”: Federica Diotto, Irene Rosso e Ziat Wafaa, nei laboratori di "Arte del vetro" presso la sede distaccata del liceo artistico a Trino, sotto la guida della docente Daniela Fontanesi.

Leggi tutto: Formelle

28872854_1802613736443339_7576817421088980992_o.jpg?_nc_cat=0&oh=d6584e7e87a9d60e0a7fd5e95dc8c8cc&oe=5B5727B5

Le Giornate delle Celebrazioni

Il programma delle celebrazioni per il 2018 ha previsto un'intera settimana di eventi:

Righteous 18- La Settimana dei Giusti a Vercelli

Righteous 18- La Settimana dei Giusti a Vercelli

Tra pochi giorni avranno inizio le celebrazioni per la Settimana dei Giusti 2018, che si prospetta ricca di eventi ed ospiti speciali.

Read more

6 marzo: Settimana dei Giusti 2018 - La notte dei diritti umani

6 marzo: Settimana dei Giusti 2018 - La notte dei diritti umani

Avviamo le celebrazioni per la Giornata dei Giusti - 6 marzo - con il video realizzato dai ragazzi del Servizio Civile 2018. Tratta dal libro "Dichiarazione" di Roberto Malini, la poesia "La notte dei diritti umani" è incentrata sui temi della giustizia e del rispetto dei diritti umani universali.

Read more

Giornata dei Giusti - 9 Marzo 2017 - Tutti i video dell'evento

Giornata dei Giusti - 9 Marzo 2017 - Tutti i video dell'evento

Il 9 marzo 2017, al parco Iqbal di Vercelli, (Corso Marconi, angolo Via Torricelli) si è svolta la celebrazione della giornata europea dei Giusti.

Le autorità del territorio vercellese, tra cui il Sindaco Maura Forte e l'assessore alle politiche giovanili Andrea Raineri hanno parlato. Rappresentanti di molte associazioni hanno lasciato un messaggio, alcuni personalmente, altri hanno inviato una lettera a distanza che è stata letta sul posto.

Read more

Chi salva una vita salva il mondo intero. "Giornata europea dei giusti" 9 marzo 2017

Giovedì 9 marzo intorno alle ore 10,15 al parco Iqbal Masih di Vercelli hanno avuto luogo le celebrazioni per la “Giornata europea dei Giusti”, ricorrenza istituita nel 2012 che si propone di rendere omaggio agli uomini e alle donne che, in situazioni di gravi ingiustizie, violenze o discriminazioni, hanno rischiato la propria vita per salvare quella di altre persone. La giornata si è svolta in continuità con quella celebrata presso la scuola Pertini lunedì 6 marzo e in collaborazione con i docenti della medesima scuola.
 
La giornata, a cura del Comune di Vercelli - Assessorato all’Istruzione e Politiche giovanili - è iniziata con il suono coinvolgente della musica di “Schindler’s list”, il celeberrimo film di Spielberg sul tema della Shoah, eseguita dal flauto traverso di Anita Giocondo, che ha accompagnato la performance dei volontari del servizio civile e le letture di Ettore Cassetta. I ragazzi hanno legato un fiocco rosso intorno ciliegi piantati in ricordo dei giusti: Carlo Angela,Padre Giuseppe Girotti, Giovanni Palatucci, Khaled al Asaad, Ercole e Gina Piana, già ricordati nel 2016, e Tadeusz Pankiewicz e i cittadini di Nevé Shalom - Wahat as-Salam, scelti per il 2017.

Read more

Giornata dei Giusti: 6 marzo alla Scuola Pertini

Read more

Giornata dei Giusti: 9 marzo al Parco Iqbal e Cripta del Sant'Andrea

Read more

VERCELLI GIOVANI

VERCELLI GIOVANI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
tel. 0161 596 608
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
INFORMAGIOVANI

INFORMAGIOVANI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
tel. 0161 596 800
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI
Lunedì 9.30-12.30
Mercoledì 14-17
Venerdì 9.30-12.30
SERVIZIOCIVILEVERCELLI

SERVIZIOCIVILEVERCELLI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
Tel. 0161 596 608
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Site Meter