Ad ogni epoca la sua città

Mese di maggio significa giornate più soleggiate e temperature più gradevoli, pertanto urge rinnovare il guardaroba; lo sanno perfettamente anche Simone e Giulia che hanno proposto per il nuovo appuntamento di Confronti Inaspettati il testo di Sophia Kinsella, I love shopping a New York.


Becky Bloomwood ha una passione irrefrenabile per lo shopping, ma nel secondo testo della saga si ritrova nel paradiso degli shopaholic: la città di New York. La scelta di seguire il fidanzato, Luke, che per lavoro si reca nella Grande Mela, è sicuramente dettata dalla necessità di aumentare le sue conoscenze professionali al di là dell’Oceano, ampliandosi anche negli Stati Uniti d’America. La città di New York, in particolare Manhattan, è il luogo in eccellenza per gli appassionati di shopping: infatti regnano sovrane le grandi boutique ed i grandi magazzini di lusso, concentrati lungo la famosissima Fifth Avenue. Le vetrine delle boutique sono talmente curate nei minimi dettagli che danno vita a piccole scenografie in cui gli oggetti o gli abiti sono i protagonisti; è impossibile non fermarsi neanche un minuto ad ammirare la bellezza che traspare dietre quelle pareti vetrate. La città di New York possiede molte altre attività, anche culturalmente e storicamente più interessanti, però non si può slegare anche questa relazione con le boutique e lo shopping, che si è venuta a creare nel tempo. La città infatti non deve e non può slegarsi da un legame così radicato, che ormai la contraddistingue nel Mondo, identificandola anche per questo suo tratto come cosmopolita e quindi innovativa.
 
La tematica che alla fine ho deciso di analizzare è la rappresentazione della città, in questo caso di New York, come l’emblema della società moderna smart e sempre di tendenza; la città di New York sicuramente esercita un grande fascino sul pubblico, infatti la scelta di parlare di questa realtà consente di fare un parallelismo con la rappresentazione delle città in epoche posteriori. Una rappresentazione della città medioevale, e quindi dei suoi usi e costumi, si può osservare in una cappella prima del campanile della chiesa dei santi Tommaso e Teonesto in san Paolo, che si trova nel centro della città di Vercelli, in corrispondenza della piazza del Municipio. La cappella, definita dell’Annunziata, risulta appartenente all’antica chiesa e conserva degli affreschi databili tra la fine del XII secolo e l’inizio del XIV secolo; uno di questi affreschi raffigura la Crocifissione. Questa rappresentazione è singolare, in quanto al centro della lunetta affrescata è collocata la figura della croce con Cristo, mentre ai lati le figure di Maria e san Giovanni, ma la particolarità è la scenografia utilizzata. La scena è ambientata in una tipica città medioevale con edifici, in prospettiva, sullo sfondo che richiamano alle architetture dell’epoca: gli edifici presentano porte ad arco con finestre molto strette ed alte, con alle volte dei piccoli ovali.
La rappresentazione della città è molto singolare e soprattutto ci permette di conoscere come veniva considerata dai suoi abitanti, anche se alle volte è idealizzata; pertanto queste due città così diverse, sia architettonicamente sia storicamente, conservano dei particolari che sono le caratteristiche peculiari che differenziano ogni città, da un lato la New York con le sfavillanti vetrine e dall’altro la città medioevale con le sue architetture storicamente consolidate nel territorio italiano. 

vercelli,, serviziocivilevercelli,, vercelligiovani

VERCELLI GIOVANI

VERCELLI GIOVANI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
tel. 0161 596 608
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
INFORMAGIOVANI

INFORMAGIOVANI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
tel. 0161 596 800
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI
Lunedì 9.30-12.30
Mercoledì 14-17
Venerdì 9.30-12.30
SERVIZIOCIVILEVERCELLI

SERVIZIOCIVILEVERCELLI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
Tel. 0161 596 608
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.