Ricerche d'Arte

Far parte a tutti gli effetti di una realtà museale non significa soltanto basarsi sulle informazioni già certe, ma serve effettuare studi e ricerche costanti.

Ricerca bibliografica

Una delle attività fuori porta che ho svolto ad agosto, durante la chiusura al pubblico del Borgogna, è la ricerca bibliografica sulle collezioni del Museo vercellese.

La ricerca bibliografica è fondamentale per incrementare le informazioni riguardo le opere, in modo da avere un quadro storico completo.

Grazie alle ricerche sui testi storici si potrebbe venire a conoscenza di datazione o paternità di opere non ancora inquadrate da un punto di vista stilistico. Inoltre è necessario consultare periodicamente testi di mostre o monografie relazionate alle opere delle collezioni per assicurare la trasmissione di informazioni corrette al pubblico.

 

Biblioteca d’Arte

La mia ricerca si è svolta presso la Biblioteca d’Arte della Fondazione Torino Musei, una biblioteca specializzata in Storia dell’Arte dove si conservano testi, documenti e riviste di ambito culturale.

La Fondazione nacque proprio come supporto alle ricerche bibliografiche delle collezioni museali piemontesi, ma oggi è frequentata anche da universitari, studiosi d’arte ed esperti.

È inoltre situata accanto alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea (GAM) di Torino, in uno stabilimento diverso dalla collocazione originaria, in quanto con l’incremento del patrimonio librario divennero necessari spazi più ampi. Si stima che la Biblioteca conservi più di 140.000 volumi riconducibili al campo artistico, storico e culturale.

La mia ricerca si è concentrata su alcuni artisti le cui opere sono esposte al Museo Borgogna di Vercelli, come Carlo Maratta, pittore seicentesco marchigiano e Orazio Gentileschi, padre della più nota Artemisia. Ho ricercato anche informazioni sull’altorilievo in cera policroma su supporto ligneo conservato  nei depositi del Borgogna, per indagare le tecniche conservative e le modalità di restauro delle opere in cera.

La disponibilità degli assistenti mi ha permesso di condurre una ricerca intensiva, nonostante la loro pazienza sia stata messa duramente alla prova dalla quantità di testi da me richiesti e dalla mia mancanza di praticità in una tale biblioteca, essendo la prima volta che mi ci recavo.

In tal modo ho potuto capire quanto una ricerca bibliografica di questo genere sia effettivamente importante non solo per la trasmissione delle informazioni al pubblico, ma anche per stabilire i canoni di conservazione e salvaguardia delle opere.

 

Nadia

VERCELLI GIOVANI

VERCELLI GIOVANI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
tel. 0161 596 608
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
INFORMAGIOVANI

INFORMAGIOVANI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
tel. 0161 596 800
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI
Lunedì 9.30-12.30
Mercoledì 14-17
Venerdì 9.30-12.30
SERVIZIOCIVILEVERCELLI

SERVIZIOCIVILEVERCELLI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
Tel. 0161 596 608
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.