Ercole e Gina Piana - Giornata dei giusti 2020

Il 18 settembre 1938 Benito Mussolini, in visita a Trieste, annunciò per la prima volta al popolo italiano il contenuto delle leggi razziali,che andavano a colpire principalmente le persone di religione ebraica, professando la superiorità della razza ariana.

In seguito all'entrata in guerra dell'Italia al fianco della Germania il 10 giugno 1940, vennero istituiti dei campi per l'internamento civile di ebrei stranieri, altri gruppi etnici e antifascisti.
Questi campi resteranno in funzione fino all'8 settembre 1943, quando, in seguito all' armistizio stipulato con gli Alleati l'Italia verrà invasa dall'esercito tedesco e verranno convertiti in campi di concentramento e transito, dove verranno imprigionati anche gli ebrei italiani.
I principali furono il campo di transito di Fossoli, il campo di transito di Bolzano e il campo di concentramento di Borgo San Dalmazzo (Cuneo).
Da questi campi avrà inizio la deportazione degli internati verso i campi di sterminio.

E' in questo periodo che si svolge la storia della famiglia Ottolenghi, composta da Guido, la moglie Eva Olivetti e le figlie Renata e Lidia, costretti, in quanto ebrei, a fuggire da Torino e a trovare rifugio nella zona di Champorcher, in provincia di Aosta.
Il 3 dicembre 1943 i nazifascisti effettuarono un rastrellamento dell'intera zona e così si videro nuovamente costretti a fuggire. Percorsero circa venti chilometri lungo strade innevate e giunsero nel paese di Bard.
Per cercare riparo bussarono ad una casa, che non sapevano essere quella del podestà del paese (ovvero una sorta di sindaco eletto dal Partito Fascista), Ercole Piana, che li accolse nella sua casa.
Quando i fascisti bussarono alla loro porta in cerca dei rifugiati, lui e sua moglie Maria Luisa Sina, detta Gina, li corruppero con del denaro, salvando così la famiglia Ottolenghi dalla deportazione e della morte.

Per questo nel 1978 furono insigniti del titolo di Giusti tra le Nazioni.

L' anno dopo Ercole Piana morì, mentre sua moglie si spense all' alba del nuovo millennio all'età di 102 anni.

VERCELLI GIOVANI

VERCELLI GIOVANI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
tel. 0161 596 608
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
INFORMAGIOVANI

INFORMAGIOVANI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
tel. 0161 596 800
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI
Lunedì 14-17
Mercoledì 9-12
Venerdì 9-12
(in altri orari su appuntamento)
SERVIZIOCIVILEVERCELLI

SERVIZIOCIVILEVERCELLI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
Tel. 0161 596 608
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.